Impressionisti, stile liberty e arte russa al Palazzo delle Esposizioni

Un unico biglietto per tre mostre. Il Palazzo delle esposizioni apre al pubblico con tre grandi esposizioni:Impressionisti e moderni. Capolavori dalla Phillips Collection di Washington;Una dolce vita? Dal Liberty al design italiano. 1900-1940, e Russia on the Road. 1920 – 1990.

Impressionisti e moderni. Capolavori dalla Phillips Collection di Washington
(fino al 14 febbraio 2016)

La mostra presenta sessantadue dipinti di oltre cinquanta artisti provenienti dalla Phillips Collection, il primo museo di arte moderna fondato in America ed è dedicata alla pittura europea e americana. La mostra riunisce le opere dei più grandi maestri moderni e dimostra “che l’arte è un linguaggio universale”, destinato a essere condiviso e apprezzato dal pubblico di tutto il mondo. La rassegna è suddivisa in macro-sezioni secondo le grandi correnti culturali che hanno attraversato l’Ottocento e il Novecento fino al secondo dopoguerra: Classicismo, Realismo e Romanticismo; Impressionismo e Postimpressionismo; Parigi e il Cubismo; Intimismo e Modernismo; l’Espressionismo e la Natura; Espressionismo Astratto.

L’esposizione, promossa da Roma Capitale-Assessorato alla Cultura e allo Sport e Azienda Speciale Palaexpo, è curata da Susan Behrends Frank ed è organizzata dalla Phillips Collection in collaborazione con Azienda Speciale Palaexpo, con il contributo della Camera di Commercio di Roma.


Una dolce vita? Dal Liberty al design italiano. 1900-1940
(fino al 17 gennaio 2016)

Più di cento opere per raccontare le arti decorative nell’Italia di inizio del Novecento caratterizzato dall’affermazione dell’Art Nouveau, noto in Italia come “stile Liberty” o “floreale”. Ebanisti, ceramisti e maestri vetrai lavorano spesso in collaborazione con i maggiori artisti del tempo, dando vita a un vero e proprio “stile italiano” destinato a influenzare la nascita stessa del design moderno. Si tratta di un periodo di intensa creatività, in una società in profonda trasformazione. La rassegna procede attraverso un percorso cronologico basato su un dialogo continuo tra arti decorative e arti plastiche.

La mostra è organizzata dall’Azienda Speciale Palaexpo in collaborazione con il Musée d’Orsay di Parigi e curata da Guy Cogeval e Beatrice Avanzi con Maria Paola Maino e Irene de Guttry.


Russia on the Road. 1920 – 1990
(fino al 15 dicembre 2015)
La mostra, con circa sessanta capolavori dell’arte russa del Novecento e un vasto repertorio di immagini e iconografie, prende in esame quasi un secolo di storia dell’arte russa e racconta il paese e il suo popolo negli anni delle grandi trasformazioni tecnologiche.  I dipinti provengono oltre che dalle collezioni dell’Istituto, anche dai principali musei statali russi, tra cui la Galleria Tret’jakov di Mosca o il Museo di Stato russo di San Pietroburgo il Museo della Ricerca Scientifica dell’Accademia Russa delle Arti, il centro espositivo ROSIZO, l’Unione degli artisti russi, la Pinacoteca Regionale di Tver’, il Museo d’Arte dell’Altaj (Barnaul), la Pinacoteca “Dejneka” di Kursk, il Museo Regionale d’Arte “Sukačëv” di Irkutsk, il Museo di Architettura “Ščusev”, il Museo Memoriale della Cosmonautica, la Galleria Nazionale Armena, la galleria “Regina” oltre che numerose collezioni private.

La mostra è organizzata dall’Azienda Speciale Palaexpo, dall’Istituto dell’Arte Realista Russa di Mosca, dalla Fondazione Internazionale “Accademia Arco”, dalla compagnia assicurativa “Ingosstrakh” e da “Promsvjaz’bank” .

Palazzo delle Esposizioni, via Nazionale 194
Costo del biglietto: intero € 12,50; ridotto € 10.00.
Permette di visitare tutte le mostre in corso al Palazzo delle Esposizioni.
Informazioni e prenotazioni sul sito www.palazzoesposizioni.it

(tratto da comune.roma.it)

One Comment Add yours

  1. Giuliana Magno ha detto:

    Molto interessanti. Uno dei migliori spazi espositivi della citta’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *